Areae, Milano: "Attraverso l'artigianalità garantiamo al cliente l'esclusività"

Areae è un punto di riferimento nel settore dellInterior Decoration. Lo spazio di Milano è ubicato al numero 5 della centralissima via Palermo – a pochi passi dal cuore di Brera – in un palazzo depoca che nel suo affascinante cortile ospita frequenti manifestazioni culturali ed espositive. La vetrina ricorda i vecchi negozi di Parigi, con grandi vetrate in ferro a scacchiera. Larredo interno è progettato per consentire una visione perfetta dei prodotti, favorendo la concentrazione dei clienti durante la valutazione delle varie possibilità di scelta.

Per saperne di più di questa eclettica realtà improntata alla vendita di materiali originali abbiamo intervistato il titolare Roberto Vignoni.

MaterialiCasa: Quali sono le principali tipologie di materiali che trattate?

Roberto Vignoni: Trattiamo quasi tutte le tipologie di materiali da rivestimento di interni ed esterni. Ci orientiamo sempre su prodotti che selezioniamo ed esponiamo qui, nel nostro showroom. Tuttavia, il nostro core business è quasi totalmente basato su prodotti artigianali, sui quali viene comunque sempre applicata una customizzazione.

Decoriamo ad esempio maioliche con colori e disegni che ci vengono sottoposti e presentati da architetti o progettisti, e realizziamo pavimenti con tutti i tipi di materiali: cementi, cotti, marmi, pietre. Trattiamo anche un prodotto antico, ricco di fascino e possibilità creative, il coccio pesto, molto flessibile e unico. Non mancano in showroom anche prodotti più spiccatamente commerciali, per rispondere a tutte le esigenze del mercato, quali mosaici di vetro, gres porcellanato, parquet prefiniti. 

MaterialiCasa: Con quale criterio selezionate le superfici?

R. Vignoni: Tutti i prodotti, anche quelli commerciali, sono frutto di un’accurata selezione che facciamo a monte visitando fiere, mostre e manifestazioni del nostro settore, di modo da poter conoscere, visionandole e toccandole con mano, la miriade di aziende che producono le più differenti superfici da rivestimento, e scegliere quelle più attinenti al nostro core business. Inoltre, in showroom arrivano spesso rappresentanti e artigiani che si propongono e che noi ascoltiamo con piacere, selezionando quelli che fanno più al caso nostro.

MaterialiCasa: Andate alla ricerca di aziende di nicchia anche allestero?

R. Vignoni: Sì. Nel nostro showroom proponiamo cementine francesi, legni che arrivano dal Belgio… Abbiamo mosaici Winckelmans inglesi prodotti in Francia, che vengono usati spesso per rivestimenti di piscine e docce. Sono molto piccoli ma, essendo fatti con il gres, sono pratici e funzionali.  

MaterialiCasa: Da dove trae espirazione il vostro eclettismo geografico?

R. Vignoni: Siamo sempre trascinati dalla nostra sensibilità riguardo al su misura, ed alla realizzazione di disegni ricevuti dai progettisti. Innanzitutto per dare un servizio al cliente, in secondo luogo perché, appunto, la nostra fetta di mercato ci sprona ad allontanarci dalla distribuzione commerciale: se un cliente non vuole un pavimento come viene pubblicato su Pinterest o Instagram, ma vuole una casa personalizzata ad hoc, da noi trova dei pavimenti sicuramente unici e la risposta alle sue necessità di personalizzazione.

MaterialiCasa: Lartigianalità è il vostro grande punto di forza?

R. Vignoni: Superare i limiti” di un prodotto standard e, attraverso lascolto delle esigenze del cliente, essere in grado di garantire autenticità, originalità, flessibilità, adattabilità ad ogni esigenza (e quindi lesclusività dell’acquisto) per noi è grande fonte di orgoglio. Siamo in grado di offrire soluzioni personalizzate, come se fossimo in un laboratorio sartoriale. Possiamo inoltre riprodurre fedelmente pavimenti e rivestimenti in mosaico e cosmateschi, utilizzando anche tasselli di marmi antichi e di recupero, un servizio vitale in caso di recuperi storici e restauri di alto livello.

MaterialiCasa: Cosa vi ha spinto a scegliere questi materiali di nicchia?

R. Vignoni: Fin dalla nostra nascita, nel 1999, siamo orgogliosamente stati tra i precursori della diffusione di queste tipologie di finiture per l’interior design. Abbiamo scelto di porre grande attenzione alla ricerca di materiali che difficilmente si trovano altrove e allutilizzo di metodi artigianali per la rivisitazione in chiave moderna delle antiche tecniche di lavorazione, consapevoli del fatto che stavamo ritagliandoci uno spazio che aveva un pubblico molto ristretto, fatto di professionisti o raffinati intenditori.

Ad esempio, i marmi e i mosaici cosmati hanno forme geometriche che riprendono pavimenti di chiese come quella di San Marco; le maioliche della fine del 700 e primi dell’800 sono recuperate da antichi casali e sottoposte ad una accurata ripulitura; il cotto viene realizzato a mano con tecniche fedeli alla tradizione, utilizzando argille cotte nei forni a legna che poi viene trattato con cera dapi e oli naturali…

 

Leggi l'intervista completa su Tile Italia